I 20 registi del futuro secondo Bong Joon-ho

bong-joon-ho-lista

Bong Joon-ho, regista dell’anno che con il suo Parasite ha fatto incetta di premi alla notte degli Oscar battendo ogni record e ogni aspettativa, nel suo discorso di accettazione del premio aveva parlato di come abbia studiato Martin Scorsese durante i suoi anni di formazione registica. Ora è proprio il regista sudcoreano a tracciare la lista delle promesse nel campo della regia che a suo avviso lasceranno il segno nel futuro del cinema – e che certamente studieranno e stanno studiando il lavoro dell’acclamato autore. In occasione del 20° anniversario della sua carriera registica, Bong Joon-ho firma così come guest editor l’edizione di febbraio della rivista cinematografica britannica Sight and Sound, selezionando i suoi personali 20 registi emergenti che maggiormente riusciranno a modellare la scena cinematografica internazionale nei prossimi anni.

bong-joon-ho-oscar

Così scrive nell’introduzione:

«Siamo nel 2020, una cifra che sembra venire da un film di fantascienza. Non intendo menzionare questi venti registi per il puro gusto di discutere del futuro del cinema. Vorrei semplicemente discutere dei film che hanno già creato. Ma alla fine, sarà comunque come riflettere sul futuro del cinema. Vedendo il secondo film di Wong Kar Wai, Days of Being Wild (1990), potevamo già sognare In the Mood for Love (2000). Guardando Blood Simple – Sangue facile (1985) dei Fratelli Coen, avremmo potuto già immaginare Non è un paese per vecchi (2007), che arrivò vent’anni dopo.

Quindi cosa possiamo aspettarci che faranno nei prossimi vent’anni i venti registi che elenco?

Le visioni incontenibili di Midsommar, l’oceano buio pesto che incontra lo sguardo fisso di Asako I & II, la bellezza di The Lighthouse, che emette una luce in bianco e nero oltre l’oceano, il chiacchericcio infinito dei bambini nei film di Yoon Gaeun, l’incredibile miracolo cinematografico che è Lazzaro Felice. Quale futuro suggeriscono questi film sui loro registi? Una cosa è certa: che continueranno a girare film.

BJH»

bong-joon-ho-registi

Bong Joon-ho nella sua lista cita talenti contemporanei del cinema horror come Jordan Peele (Scappa – Get out, Noi), Jennifer Kent (Babadook) e Ari Aster (Hereditary – Le radici del male, Midsommar – Il villaggio dei dannati); registi in rampa di lancio come Robert Eggers (The Lighthouse), Chloè Zaho (autrice del prossimo film Marvel The Eternals), Alma Har’el (Honey Boy) e Mati Diop (Atlantics); documentaristi come Kirsten Johnson (Cameraperson) e, per il nostro orgoglio, gli italiani Pietro Marcello (in ascesa con la pellicola Martin Eden, con protagonista il premiato Luca Marinelli) e Alice Rohrwacher (Corpo celeste, Le meraviglie, Lazzaro felice, per quest’ultimo premiata a Cannes nel 2018).

Di seguito la lista completa dei venti cineasti, stilata da Bong Joon-ho:

  1. Ali Abbasi
  2. Ari Aster
  3. Bi Gan
  4. Jayro Bustamante
  5. Mati Diop
  6. Robert Eggers
  7. Rose Glass
  8. Hamaguchi Ryusuke
  9. Alma Har’el
  10. Kirsten Johnson
  11. Jennifer Kent
  12. Oliver Laxe
  13. Francis Lee
  14. Pietro Marcello
  15. David Robert Mitchell
  16. Jordan Peele
  17. Jennifer Reeder
  18. Alice Rohrwacher
  19. Yoon Gaeun
  20. Chloé Zhao

Qui l’articolo fonte.

1 Comment

Rispondi