Titane – Oltre l’umano e il binarismo di genere

Riproduzione riservata / ©Birdmen Magazine
Pubblicato da

Maria Francesca Mortati

Classe 1997. Laureata in DAMS presso l'Università di Bologna.

Cos'è Birdmen Magazine?

Birdmen Magazine nasce nel 2015 da un gruppo di studenti dell’Università di Pavia, spinti dalla volontà di indagare e raccontare il cinema, le serie e il teatro. Oggi è una rivista indipendente – testata giornalistica dal 2018 – con una redazione diffusa: le sedi principali sono a Pavia e Bologna.

Aiutaci a sostenere il progetto e ottieni i contenuti Birdmen Premium, tra cui le nostre masterclass online: associati a Birdmen Magazine – APS, l’associazione della rivista. I soci 2022 riceveranno a casa anche il nostro nuovo numero cartaceo annuale.

  • […] Il mostro è ciò che assomma su di sé tutte le differenti identità divorandole, o è mostruoso il concetto stesso di identità? La domanda che si pone Titane, il secondo film di Julia Ducournau, premiato a Cannes con la Palma d’Oro, non è meno alta di questa. E la riflessione sul mostro, sul feticcio e l’identità coinvolge il film tanto su un piano tematico quanto su un piano linguistico: Titane è un carrozzone di citazioni, registri e linguaggi diversi. Nelle vicende destinate a sovrapporsi del dolente pompiere Vincent e dell’indefinibile, sempre-più-cyborg, Alexia si intravede la rappresentazione più potente di quella tentazione queer che smuove molto del cinema contemporaneo. Ludovico Cantisani / Leggi la recensione […]

  • Rispondi