Un altro giro – La coreografia dell’ebbrezza

Riproduzione riservata / ©Birdmen Magazine
Pubblicato da

Matteo Bonfiglioli

Fruitore seriale di ogni tipo di narrazione. Laureato all'Accademia di Belle Arti di Bologna con una tesi su Michael Haneke e al Master IULM in Arti del Racconto e vive tra Milano e Modena, dove lavora in una sala d'essai. Modera, critica, intervista e scrive del mondo per scrivere di sé; e viceversa. Sente di vivere in un film di James Ivory.

Cos'è Birdmen Magazine?

Dal 2015 Birdmen Magazine raccoglie le voci di cento giovani da tutta Italia: una rivista indipendente no profit – testata giornalistica registrata – votata al cinema, alle serie e al teatro (e a tutte le declinazioni dell’audiovisivo). Oltre alle edizioni cartacee annuali, cura progetti e collaborazioni con festival e istituzioni. Birdmen Magazine ha una redazione diffusa: le sedi principali sono a Pavia e Bologna

Associati a Birdmen MagazineAPS, lassociazione della rivista. Aiutaci a sostenere il progetto e ottieni i contenuti Birdmen Premium, tra cui le nostre masterclass online. I soci 2022 riceveranno a casa anche Brucia tutto, il nostro nuovo numero cartaceo annuale

  • […] Lo psichiatra Finn Skårderud teorizza, in un’ironica prefazione a una sua opera, che l’essere umano abbia una naturale deficienza nel tasso alcolemico del sangue, il cui reintegro porterebbe grandi benefici. I protagonisti di Un altro giro (Druk), quattro professori frustrati e insoddisfatti, prendono la teoria estremamente sul serio, nascondendo il tutto sotto una maschera di ricerca accademica. Gli effetti dell’esperimento sono prevedibilmente disastrosi, ma a raggiungere il ricercato equilibrio tra sobrietà ed euforia è proprio il film di Vinterberg, premiato con l’Oscar, un ritratto tragicomico della crisi di mezza età e del rapporto dell’uomo con l’alcol che danza con disinvoltura tra il comico e la tragedia, influenzato anche dalle vicende personali del regista danese, giungendo però al brindisi finale con una delle conclusioni più energiche e liberatorie degli ultimi anni. Lorenzo Zanone / Leggi la recensione […]

  • Rispondi