Euphoria – Lacrime di glitter

Riproduzione riservata / ©Birdmen Magazine
Pubblicato da

Giada Sartori

Laureata in DAMS e Cinema, Televisione e Produzione Multimediale all'Università di Bologna. Assidua volontaria e frequentatrice di festival, quando non studia passa il tempo a venerare Phoebe Waller-Bridge.

Cos'è Birdmen Magazine?

Birdmen Magazine nasce nel 2015 da un gruppo di studenti dell’Università di Pavia, spinti dalla volontà di raccontare e indagare il cinema, le serie e il teatro. Oggi è una rivista indipendentetestata giornalistica dal 2018 – con una redazione diffusa e una sede anche nella città di Bologna.

Aiutaci a sostenere il progetto e ottieni gli esclusivi contenuti Birdmen Premium, tra cui le nostre masterclass mensili: associati a Birdmen Magazine – APS, l’associazione della rivista. I soci 2021 ricevono a casa anche Futuro, il nostro ottavo numero cartaceo!

  • […] Con Trouble Doesn’t Last Always, Euphoria realizza il suo primo speciale natalizio (il secondo, intitolato F–k Anyone Who’s Not a Sea Blob, andrà in onda a gennaio), qualcosa di atipico non solo per il filone in cui l’episodio vorrebbe inserirsi, ma anche per la stessa serie. Se questa è sempre stata contraddistinta da glitter, luci al neon e controversie, questo speciale rallenta il ritmo, lasciando alla protagonista Rue (Zendaya, fresca vincitrice dell’Emmy come Migliore Attrice Protagonista in una serie drammatica) il tempo di respirare e riflettere.L’occasione è una cena in un diner la sera della Viglia con il suo sponsor Ali (Colman Domingo). Davanti ai loro piatti pieni di pancake, i due parlano della necessità di trovare un equilibrio, della difficile strada verso la sobrietà e dell’amore distorto che Rue prova verso Jules (Hunter Schafer, protagonista del secondo speciale). È una conversazione che sa di conforto, ma anche di sfida, tra la voglia di non essere controllata da parte di Rue e l’affetto paterno di Ali.Euphoria usa il suo speciale di Natale per celebrare non la vita come si è soliti fare, ma l’arte della sopravvivenza nonostante le sfide della vita. I tempi più dilatati permettono alla sceneggiatura di Sam Levinson (anche regista) di emergere in tutta la sua malinconica potenza. Se l’essenzialità è dovuta soprattutto alle ristrettezze produttive del periodo, si può sperare che questo episodio possa rappresentare un modello per la futura seconda stagione. Di Giada Sartori. Qui la nostra recensione. […]

  • Rispondi