Oltre 150 film Criterion Collection preferiti da 20 registi: lo scaffale delle meraviglie

The Criterion Collection è una compagnia statunitense di distribuzione home video la cui missione dal 1986 è fare la felicità dei cinefili di tutto il mondo: rilasciare classici e cult contemporanei in edizioni di pregio in tutte le loro componenti, dal packaging al restauro dell’immagine, contenuti extra, commenti audio e altro materiale bonus. Il culto attorno alle release della compagnia è tale che ogni nuovo annuncio del catalogo è atteso con trepidazione.

Da qualche anno il canale YouTube della Criterion, ricco di curiosità e interviste di ogni sorta, si è dedicato a un format che è la declinazione cinefila di un bambino in un negozio di dolciumi: i Criterion Closet Picks, dove registi, attori e personalità dello spettacolo sono invitati a curiosare nel catalogo della compagnia, con la possibilità di portarsi a casa qualsiasi film vogliano. In questi video (in lingua originale), di cui vi proponiamo una breve selezione dedicata ai registi, emerge quel piccolo momento privato di pura gioia per il proprio mestiere: i film con cui sono cresciuti, quelli che hanno studiato e quelli che non hanno ancora avuto occasione di vedere.

Per ogni nome abbiamo inserito una lista riassuntiva dei titoli selezionati. Tra i più richiesti emerge come vincitore il nostro Ladri di biciclette (Vittorio De Sica, 1948).  Seguono a pari merito Salò o le 120 giornate di Sodoma (Pier Paolo Pasolini, 1975), Repo Man – Il recuperatore (Alex Cox, 1984),  Questa è la mia vita (Jean-Luc Godard, 1962) e Blood Simple – Sangue facile (Joel Coen, 1984).

Godetevi il viaggio nello scaffale delle meraviglie.

AGNÈS VARDA 

Un angelo alla mia tavola (Jane Campion, 1990)

Sweetie (Jane Campion, 1989)

Il sapore della ciliegia (Abbas Kiarostami, 1997)

La Promesse (Jean-Pierre e Luc Dardenne, 1996)

Bande à part (Jean-Luc Godard, 1964)

Tiny Furniture (Lena Dunham, 2010)

Il matrimonio di Maria Braun (Rainer Werner Fassbinder, 1979)

NICOLAS WINDING REFN

L’infanzia di Ivan (Andrei Tarkovsky, 1962)

Stalker (Andrei Tarkovsky. 1979)

Quadrophenia (Franc Roddam, 1979)

Dietro lo specchio (Nicholas Ray, 1956)

Qualcosa di travolgente (Jonathan Demme, 1986)

La signora in bianco (Nicolas Roeg, 1985)

Repo Man – Il recuperatore (Alex Cox, 1984)

La vita futura (William Cameron Menzies, 1936)

Fronte del porto (Elia Kazan, 1954)

WIM WENDERS

Le regole del gioco (Jean Renoir, 1939)

Salò o le 120 giornate di Sodoma (Pier Paolo Pasolini, 1975)

Questa è la mia vita (Jean-Luc Godard, 1962)

Oshima’s Outlaw Sixties

GUILLERMO DEL TORO

I 400 colpi (François Truffaut, 1959)

Scarpette rosse (Michael Powell e Emeric Pressburger, 1948)

Orfeo negro (Marcel Camus, 1959)

Sciarada (Stanley Donen, 1963)

Crumb (Terry Zwigoff, 1994)

La sottile linea rossa (Terrence Malick, 1998)

Il volto (Ingmar Bergman, 1958)

Repulsione (Roman Polański, 1965)

WILLIAM FRIEDKIN

Domenica, maledetta domenica (John Schlesinger, 1971)

L’assassinio di un allibratore cinese (John Cassavetes, 1976)

Diario di un ladro (Robert Bresson, 1959)

Umberto D. (Vittorio De Sica, 1952)

L’oro del demonio (William Dieterle, 1941)

M – Il mostro di Düsseldorf (Fritz Lang, 1931)

Forza bruta (Jules Dassin, 1947)

(Federico Fellini, 1963)

EDGAR WRIGHT

Occhi senza volto (Georges Franju, 1960)

Walker – Una storia vera (Alex Cox, 1987)

Il trono di sangue (Akira Kurosawa, 1957)

A Venezia… un dicembre rosso shocking (Nicolas Roeg, 1973)

ALFONSO CUARÓN e PAWEŁ PAWLIKOWSKI

Questa è la mia vita (Jean-Luc Godard, 1962)

Lola Montès (Max Ophüls, 1955)

Fuoco ragazza mia! (Miloš Forman, 1967)

The Complete Jean Vigo

Vogliamo vivere! (Ernst Lubitsch, 1942)

Larisa Shepitko Collection

Il maschio e la femmina (Jean-Luc Godard, 1966)

La fontana della vergine (Ingmar Bergman, 1960)

Strada a doppia corsia (Monte Hellman, 1971)

Io sono un campione (Lindsay Anderson, 1963)

BONG JOON-HO

Tess (Roman Polański, 1979)

Viaggio a Tokyo (Yasujirō Ozu, 1953)

Il trono di sangue (Akira Kurosawa, 1957)

Orfeo negro (Marcel Camus, 1959)

Vite vendute (Henri-Georges Clouzot, 1953)

Picnic ad Hanging Rock (Peter Weir, 1975)

Oshima’s Outlaw Sixties

Trilogia qatsi (Godfrey Reggio)

La spina del diavolo (Guillermo del Toro, 2001)

America, America, dove vai? (Haskell Wexler, 1969)

Repo Man – Il recuperatore (Alex Cox, 1984)

YORGOS LANTHIMOS e ARIANE LABED

La paura mangia l’anima (Rainer Werner Fassbinder, 1974)

La parola ai giurati (Sidney Lumet, 1957)

Salesman (Albert e David Maysles, 1969)

Naked – Nudo (Mike Leigh, 1993)

Il cameraman e l’assassino (Rémy Belvaux, André Bonzel e Benoît Poelvoorde, 1992)

Frank Costello faccia d’angelo (Jean-Pierre Melville, 1967)

Cinque pezzi facili (Bob Rafelson, 1970)

Viridiana (Luis Buñuel, 1961)

La vita futura (William Cameron Menzies, 1936)

La farfalla sul mirino (Seijun Suzuki, 1967)

Macbeth (Roman Polanski, 1971)

Diario di un ladro (Robert Bresson, 1959)

Au hasard Balthazar (Robert Bresson, 1966)

MIKE LEIGH

Ladri di biciclette (Vittorio De Sica, 1948)

Questa è la mia vita (Jean-Luc Godard, 1962)

Tutti per uno (Richard Lester, 1964)

Tarda primavera (Yasujirō Ozu, 1949)

L’uomo in nero (Georges Franju, 1963)

Fuoco ragazza mia! (Miloš Forman, 1967)

Berlin Alexanderplatz (Rainer Werner Fassbinder, 1980)

Jules e Jim (François Truffaut, 1962)

Divorzio all’italiana (Pietro Germi, 1961)

ALEXANDER  PAYNE

Salò o le 120 giornate di Sodoma (Pier Paolo Pasolini, 1975)

L’asso nella manica (Billy Wilder, 1951)

Tre donne (Robert Altman, 1977)

Il piacere (Max Ophüls, 1952)

Il clandestino (Robert M. Young, 1977)

Golfo del Messico (Michael Curtiz, 1950)

A rotta di collo (Ted Wilde, 1928)

Barbarossa (Akira Kurosawa, 1965)

Una giornata particolare (Ettore Scola, 1977)

La ballata del boia (Luis García Berlanga, 1963)

BARRY JENKINS

Fanny e Alexander (Ingmar Bergman, 1982)

Trilogia di Apu (Satyajit Ray’s, 1955-1959)

Weekend (Andrew Haigh, 2011)

John Cassavetes: Five Films

Decalogo (Krzysztof Kieślowski, 1989)

L’odio (Mathieu Kassovitz’s, 1995)

Blood Simple – Sangue facile (Joel Coen, 1984)

A mia sorella! (Catherine Breillat’s, 2001)

Monsoon Wedding – Matrimonio indiano (Mira Nair, 2001)

Ratcatcher (Lynne Ramsay, 1999)

George Washington (David Gordon Green, 2000)

Rashomon (Akira Kurosawa, 1950)

The Essential Jacques Demy

The Complete Jacques Tati

RUBEN ÖSTLUND

A mia sorella! (Catherine Breillat, 2001)

Love Streams – Scia d’amore (John Cassavetes, 1984)

Ladri di biciclette (Vittorio De Sica, 1948)

Fanny e Alexander (Ingmar Bergman, 1982)

ANDREW HAIGH  e CHARLOTTE RAMPLING

Il portiere di notte (Liliana Cavani, 1974)

Camera con vista (James Ivory, 1986)

3 Film by Roberto Rossellini Starring Ingrid Bergman

Se… (Lindsay Anderson, 1968)

L’infanzia di Ivan (Andrei Tarkovsky, 1962)

Ratcatcher (Lynne Ramsay, 1999)

La collina dei conigli (Martin Rosen, 1978)

Narciso nero (Michael Powell e Emeric Pressburger, 1947)

Bergman Island (Marie Nyreröd, 2006)

Domenica, maledetta domenica (John Schlesinger, 1971)

GASPAR NOÉ

Operazione diabolica (John Frankenheimer, 1966)

Pigs, Pimps, and Prostitutes: 3 Films by Shohei Imamura

Il padrone di casa (Carl Theodor Dreyer, 1925)

Safe (Todd Haynes, 1995)

L’Amerikano (Costa-Gavras, 1972)

L’uomo senza passato (Serge Bourguignon, 1962)

Jigoku (Nobuo Nakagawa, 1960)

L’isola delle anime perdute (Erle C. Kenton, 1932)

La preda nuda (Cornel Wilde, 1964)

Salò o le 120 giornate di Sodoma (Pier Paolo Pasolini, 1975)

Patriottismo (Yukio Mishima, 1966)

Mishima – Una vita in quattro capitoli (Paul Schrader, 1985)

SEAN BAKER

Ho sposato una strega (René Clair, 1942)

Naked – Nudo (Mike Leigh, 1993)

Dolce è la vita (Mike Leigh, 1990)

Repo Man – Il recuperatore (Alex Cox, 1984)

Kes  (Ken Loach, 1969)

Secret Sunshine (Lee Chang-dong, 2007)

Jellyfish Eyes (Takashi Murakami, 2013)

Yi Yi – e uno… e due… (Edward Yang, 2000)

El Norte (Gregory Nava, 1983)

Chantal Akerman in the Seventies

Eating Raoul (Paul Bartel, 1982)

Il ginocchio di Claire (Eric Rohmer, 1970)

CRISTIAN MUNGIU

Tempi moderni (Charlie Chaplin, 1936)

Decalogo (Krzysztof Kieślowski, 1989)

Ladri di biciclette (Vittorio De Sica, 1948)

Blood Simple – Sangue facile (Joel Coen, 1984)

Easy Rider (Dennis Hopper, 1969)

JOSH e BENNY SAFDIE

Maidstone and Other Films by Norman Mailer

Meantime (Mike Leigh, 1983)

Un condannato a morte è fuggito (Robert Bresson, 1956)

My Beautiful Laundrette – Lavanderia a gettone (Stephen Frears, 1985)

Il diritto del più forte (Rainer Werner Fassbinder, 1975)

Ladri di biciclette (Vittorio De Sica, 1948)

L’inizio del cammino (Nicolas Roeg, 1971)

Il momento della verità (Francesco Rosi, 1965)

Blood Simple – Sangue facile (Joel Coen, 1984)

Il monello (Charlie Chaplin, 1921)

I protagonisti (Robert Altman, 1992)

Il posto (Ermanno Olmi, 1961)

Tess (Roman Polański, 1979)

L’Argent (Robert Bresson, 1983)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...