Ozark – La famiglia e il mondo. Il celato e il visibile | Terza Stagione

Riproduzione riservata / ©Birdmen Magazine
Pubblicato da

Gianni Pigato

Classe 1994, laureato in Scienze dello Spettacolo e della Produzione Multimediale presso l’Università degli studi di Padova con una tesi dal titolo “Scrittura per immagini e immagini per scrittura. Kathryn Millard e gli sconfinamenti della sceneggiatura nell’epoca del digitale”. Ho conseguito un master in sceneggiatura presso l’Università degli Studi di Padova. Ogni tanto provo anche a scrivere delle storie. Ho vinto nel 2017 la terza edizione del Premio Vincenzoni per giovani sceneggiatori indetto dalla Città di Treviso.

Cos'è Birdmen Magazine?

Birdmen Magazine nasce nel 2015 da un gruppo di studenti dell’Università di Pavia, spinti dalla volontà di indagare e raccontare il cinema, le serie e il teatro. Oggi è una rivista indipendente – testata giornalistica dal 2018 – con una redazione diffusa: le sedi principali sono a Pavia e Bologna.

Aiutaci a sostenere il progetto e ottieni i contenuti Birdmen Premium, tra cui le nostre masterclass online: associati a Birdmen Magazine – APS, l’associazione della rivista. I soci 2022 riceveranno a casa anche il nostro nuovo numero cartaceo annuale.

  • […] Abbiamo già visto come a livello tematico in Ozark siano importanti le giustapposizioni tra mondo e…. Il contrappunto tematico tra queste due doppie opposizioni torna anche in questa ultima stagione (si parla spesso di finestre: oscurate, termocromiche, più grandi, più spesse). Viene aggiunto però dal team di sceneggiatori un ulteriore elemento di riflessione, intimamente connesso ancora una volta agli spazi e ai luoghi. Che tipo di rapporto c’è tra un luogo e il ruolo che noi come esseri umani lì assumiamo? A casa, sei il piccolo Jonah, figlio minore, da proteggere e da controllare. Nella camera di un trasandato motel di periferia sei invece un quattordicenne geniale, abilissimo nel riciclaggio del denaro attraverso piattaforme offshore. […]

  • Rispondi