Berlinale 2020: tutti i premi e i vincitori

berlinale-2020-premi

Si è chiusa la 70ª edizione del Festival internazionale del Cinema di Berlino – Berlinale 2020, iniziata lo scorso 20 febbraio con la proiezione della pellicola di Philippe Falardeau My Salinger Year. La giuria internazionale del Festival è stata presieduta dall’attore britannico Jeremy Irons, mentre la direzione artistica è stata affidata all’esordiente italiano Carlo Chatrian. Ad aggiudicarsi l’Orso d’oro è Sheytan vojud nadarad di Mohammad Rasoulof. Trionfo dell’Italia con Favolacce e Volevo Nascondermi. Di seguito, tutti i premi e i vincitori.

berlinale-2020-premi


Premi della giuria internazionale


Orso d’oro per il miglior film: Sheytan vojud nadarad di Mohammad Rasoulof

Orso d’argento – GranpPremio della giuria: Never Rarely Sometimes Always di Eliza Hittman

Orso d’argento per la miglior regia: Hong Sang-soo per Domangchin yeoja

Orso d’argento per la migliore interpretazione femminile: Paula Beer per Undine

Orso d’argento per la migliore interpretazione maschile: Elio Germano per Volevo nascondermi

Orso d’argento per la migliore sceneggiatura: Damiano e Fabio D’innocenzo per Favolacce

Orso d’argento per il miglior contributo artistico: Jürgen Jürges per i costumi e le scenografie di DAU. Nataša

Premio Alfred Bauer: Effacer l’historique, regia di Benoît Delépine e Gustave Kervern


Premi Encounters


Miglior Film: The Works and Days (of Tayoko Shiojiri in the Shiotani Basin), di C.W. Winter, Anders Edström

Premio speciale della giuria: The Trouble With Being Born, di Sandra Wollner

Miglior regia: Malmkrog, di Cristi Puiu

Menzione speciale: Isabella, di Matías Piñero


Premi della giuria “Opera prima”


Miglior opera prima: Los conductos, di Camilo Restrepo

Menzione speciale: Nackte Tiere (Naked Animals), di Melanie Waelde


Premi della giuria “Documentari”


Miglior documentario: Irradiés (Irradiated), di Rithy Panh

Menzione speciale: Aufzeichnungen aus der Unterwelt (Notes from the Underworld), di Tizza Covi, Rainer Frimmel


Premi della giuria “Cortometraggi”


Orso d’oro per il miglior cortometraggio: T, di Keisha Rae Witherspoon

Orso d’argento – premio della giuria (cortometraggi): Filipiñana, di Rafael Manuel

Berlin Short Film Nominee for the European Film Awards: It Wasn’t the Right Mountain, Mohammad – di Mili Pecherer

Audi Short Film Award: Genius Loci, di Adrien Mérigeau


Premi delle giurie “Generation”


Children’s Jury Generation Kplus

Orso di cristallo per il miglior film: Sweet Thing, di Alexandre Rockwell

Menzione speciale: H Is for Happiness, di John Sheedy

Orso di cristallo per il miglior cortometraggio: El nombre del hijo (The Name of the Son), di Martina Matzkin

Menzione speciale: El sghayra, di Amira Géhanne Khalfallah

International Jury Generation Kplus

Gran Prix per il miglior film: Los Lobos (The Wolves), di Samuel Kishi Leopo

Menzione speciale: Mignonnes (Cuties), di Maïmouna Doucouré

Menzione speciale: Mamá, mamá, mamá (Mum, Mum, Mum), di Sol Berruezo Pichon-Rivière

Special Prize per il miglior cortometraggio: El nombre del hijo (The Name of the Son), di Martina Matzkin

Menzione speciale: The Kites, di Seyed Payam Hosseini

Youth Jury Generation 14plus

Orso di cristallo per il miglior film: Notre-Dame du Nil (Our Lady of the Nile), di Atiq Rahimi

Menzione speciale: White Riott, di Rubika Shah

Orso di cristallo per il miglior cortometraggio: Clebs (Mutts), di Halima Ouardiri

Menzione speciale: Goodbye Golovin, di Mathieu Grimard

International Jury Generation 14plus

Grand Prix per il miglior film: Meu nome é Bagdá (My Name Is Baghdad), di Caru Alves de Sousa

Menzione speciale: Kaze no Denwa (Voices in the Wind), di Nobuhiro Suwa

Special Prize per il miglior cortometraggio: Clebs (Mutts), di Halima Ouardiri

Menzione speciale: White Winged Horse, di Mahyar Mandegar


Premi delle giurie indipendenti


Guild Film Prize: Sheytan vojud nadarad (There Is No Evil), di Mohammad Rasoulof

Peace Film Prize: Los lobos, di Samuel Kishi Leopo

Premio Label Europa Cinemas: Håp (Hope), di Maria Sødahl

Premio Heiner Carow: Garagenvolk (Garage People), di Natalija Yefimkina

Premio Compass-Perspektive: Walchensee Forever, di Janna Ji Wonders

Premio AG Kino Gilde 14plus: Jumbo, di Zoé Wittock

Premio Caligari: Victoria, di Sofie Benoot, Liesbeth De Ceulaer, Isabelle Tollenaere

Amnesty International Film Prize: Welcome to Chechnya, di David France

Premio della giuria ecumenica

Competizione: Sheytan vojud nadarad (There Is No Evil), di Mohammad Rasoulof

Panorama: Otac (Father), di Srdan Golubović

Menzione speciale: Saudi Runaway, di Susanne Regina Meures

Forum: Seishin 0 (Zero), Kazuhiro Soda

Premio FIPRESCI

Competizione: Undine, di Christian Petzold

Premio della giuria Encounters: A metamorfose dos pássaros (The Metamorphosis of Birds), di Catarina Vasconcelos

Panorama: Mogul Mowgli, di Bassam Tariq

Forum: The Twentieth Century, di Matthew Rankin

Menzione Speciale: Ouvertures, di The Living and the Dead Ensemble

Premio CICAE

Panorama: Digger, di Georgis Grigorakis

Forum: Ping jing (The Calming), di Song Fang

Teddy Award

Miglior lungometraggio: Futur Drei (No Hard Feelings), di Faraz Shariat

Miglior documentario: Si c’était de l’amour (If It Where Love), di Patric Chiha

Miglior cortometraggio: Playback. Ensayo de una despedida (Playback), di Agustina Comedi

Premio della giuria: Rizi (Days), di Tsai Ming-Liang

Premio dei lettori del sito Queer.de: Futur Drei (No Hard Feelings), di Faraz Shariat

Premio attivista Teddy: Olga Baranova, Maxim Lapunov, David Isteev


Premi dei lettori e del pubblico


Premio del pubblico (sez. Panorama)

Film: Otac (Father), di Srdan Golubović

2º posto: Futur Drei (No Hard Feelings), di Faraz Shariat

3° posto: Håp (Hope), di Maria Sødahl

Documentario: Welcome to Chechnya, di David France

2° posto: Saudi Runaway, di Susanne Regina Meures

3° posto: Petite fille (Little Girl), di Sébastien Lifshitz

Premio dei lettori del Berliner Mongerpost: Effacer l’historique (Delete History), di Benoît Delépine, Gustave Kervern

Premio dei lettori del Tagesspiegel: Chico ventana también quisiera tener un submarino (Window Boy Would Also Like to Have a Submarine), di Alex Piperno


Premi Sviluppo


Premio Kompagnon-Fellowship: 111, di Hristiana Raykova

Premio ARTEKino International Prize: The Melting, di Veerle Baetens

Premio Eurimages Co-Production Development: There Are Two Kinds of People in This World, di Onur Saylak

Premio VFF Talent Highlight: The Last Paradise on Earth, di Sakaris Stórá


Premi onorari


Orso d’oro alla carriera: Helen Mirren

Berlinale Kamera: Ulrike Ottinger

2 Comments

Rispondi