Lino Guanciale – Teatro, televisione e impegno sociale

In collaborazione con Luca Ieranò

Lino Guanciale, classe ’79, diplomato all’Accademia di Arte drammatica Silvio D’Amico di Roma, deve il suo successo e riconoscimento presso il grande pubblico soprattutto al coinvolgimento  in  diverse  serie  televisive  italiane  di  produzione RAI,  le  quali,  tradizionalmente,  mai  sono  state  celebrate  o conosciute per il talento attoriale dei protagonisti: al contrario, spesso tendono a opacizzare il prestigio di chi si forma e lavora in teatro o al cinema, contesti ritenuti più “nobili” e rilevanti. Questa categoria di giudizio non è sempre valida, anzi, specialmente  in  tempi  recenti  si  è  dimostrata  fallace:  il  caso  di Guanciale ne è un esempio. Il coinvolgimento in prodotti televisivi non deve pregiudizialmente condizionare la valutazione sulla capacità dell’attore.

lino guanciale - ragazzi di vita

Osservando Lino Guanciale a teatro risultano evidenti le sue qualità attoriali così come la sua capacità di reggere il palco con potenza e precisione; ne è riprova la recente assegnazione all’attore del Premio ANCT e del Premio Ubu come migliore attore nella stagione teatrale 2018/2019 per il suo ruolo nello spettacolo La classe operaia va in paradiso. Progetto,  questo,  particolarmente  interessante:  nato  proprio dall’iniziativa di Guanciale, con la riscrittura di Paolo Di Paolo e la regia di Claudio Longhi, lo spettacolo si propone di rielaborare l’opera          cinematografica di Petri fornendo in controluce un’immagine della contemporanea precarietà lavorativa. A colpire è stata proprio l’abilità attoriale, vocale e fisica, di Lino Guanciale, capace di omaggiare e ispirarsi a Gian Maria Volontè  senza  farsi  fagocitare  dalla  sua  ingombrante  memoria.

Ulteriore nota di merito, ben visibile sulla scena come fuori, è la visione corale e collettiva che Guanciale dimostra di avere del  Teatro:  gli  è  spesso  riconosciuta  infatti  la  capacità  di  ricoprire il ruolo protagonista senza guastare gli equilibri della scena, senza diventare il primo attore-mattatore che confina gli  altri  personaggi  ai  margini  della  rappresentazione.  Ed  è in virtù di questa fiducia nella sinergia tra più individui, nata per sua stessa ammissione probabilmente durante l’esperienza rugbistica, che l’attore ha deciso di dedicare il Premio Ubu a tutti coloro che hanno contribuito all’obiettivo comune della messa in scena. Non passano, in ogni caso, in secondo piano i  meriti  individuali,  sintetizzati  nella  motivazione  per  l’assegnazione del Premio ANCT: «Il percorso di lavoro d’attore perseguito da Lino Guanciale nel corso di quello che possiamo definire “un permanente apprendistato” di artigianato teatrale, coltivato con intelligenza e determinazione e che l’ha portato a raggiungere esiti scenici di  sempre  più  efficace  e  variegata  maturità espressiva – del corpo come della voce – e a misurarsi in modo particolare con testi della contemporaneità e con linguaggi della scena diversificati, ne fa il rappresentante più dinamico e stupefacente della sua generazione». Il ruolo di Lulù Massa non è un’eccezione. Altrettanto si può dire dei suoi altri spettacoli.

lino guanciale-La classe operaia va in paradiso

In After Miss Julie, regia di Giampiero Solari, veste  i  panni  di  Gianni,  vittima  e  carnefice della  sua  padrona;  lo  fa  egregiamente,  mettendo  in  luce  le  varie  ambiguità  di  un  personaggio ora deciso, ora titubante, all’occorrenza violento, o romantico, o spietato, il cui febbrile  andamento  del  pensiero  si  manifesta in  un  misuratissimo  utilizzo  di  toni,  pose  e ritmi.  Non  da  meno  è  stata  la  sua  incisività performativa  come  narratore  della  borgata romana in Ragazzi di vita di Massimo Popolizio: che sia un lettore dell’opera pasoliniana o la voce incarnata di Pasolini stesso, Guanciale riesce a rendere materica la parola, incanalata in un corpo saldo, forte e in una voce  dalla  sfumatura  dialettale  che  sembra  sgorgare  con  un grande sforzo della memoria o dell’emozione.

È stato proprio Guanciale, in un’intervista per L’Adige.it a comparare e unire in un dittico i due spettacoli caratterizzati dalla marginalità e del vuoto di senso morale, tanto dell’epoca della narrazione originale, quanto della nostra di spettatori: da una parte troviamo la classe operaia, dall’altra i ragazzi di vita; pensare che quei contesti non siano stati riplasmati e metabolizzati dal nostro tempo sarebbe un imperdonabile errore da cui entrambe le rappresentazioni vogliono metterci in guardia.

 Se osserviamo dunque il percorso che Guanciale sta compiendo sui palchi italiani, è impossibile non notare un fil rouge, una costante volontà di impegnarsi nel contesto a lui contemporaneo con un’attitudine intellettuale, e non vacuamente colta o citazionista, che lo porta a confrontarsi con le grandi menti e i grandi autori che sono stati al centro della cultura sociale delle scorse generazioni. Non pare così inaspettato quindi, sempre nell’intervista sopracitata, se Guanciale si schiera nettamente dalla parte degli immigrati e delle donne, dimostrando la sua voglia  di  scardinare  atteggiamenti  razzisti,  discriminatori  o improntati a vecchi stereotipi di virilità.

Una  voglia,  insomma,  di  dialettica,  di  confronto  da  recuperarsi in un Paese, a suo avviso, troppo vicino alla deriva del partito del leader, bisognoso di un lavoro attivo e fiducioso verso il cambiamento, verso una nuova impostazione sociale che abbia al centro la cultura vera, capace di rendere attivi e partecipi gli individui. Un bisogno di richiamo nei confronti dei temi più urgenti, dimostrata anche dal suo ruolo di testimonial dell’Alto  commissariato  delle  Nazioni  Unite per i rifugiati che lo vedrà prossimamente in missione in Etiopia.

lino guanciale-unhcr

Lino  Guanciale  è  un  artista  a  tutto  tondo, coinvolto e consapevole; in prima linea nelle questioni più attuali e in un teatro che vorrebbe conquistarsi una posizione rilevante nel tessuto  sociale.  Questa  volontà  non  lo  allontana però dal largo pubblico televisivo, il cui coinvolgimento va a rinsaldare l’efficacia dei suoi messaggi più importanti, garantendo anche nuovi spettatori a teatro. La versatilità recitativa si profila quindi come grande qualità, che riesce a rendere Guanciale un attore capace tanto di interessanti riflessioni, senza  eccedere  in  paternalismi  o  retorica di bassa levatura, tanto di grande ironia e autoironia: basti pensare al cortometraggio Io sì, tu no di Sidney Sibilia, proiettato alla 74ª Mostra del Cinema di Venezia. Qui la critica al  precariato  si  fa  infatti  spigliata,  leggera  e comica, in accordo con lo stile del regista di Smetto quando voglio. A breve La classe operaia va in paradiso tornerà a girare l’Italia; per il resto, non c’è che da seguire  Lino  Guanciale  nei  suoi  prossimi  progetti, sperando che l’attualità diventi materia sempre più fondante del suo lavoro.


 Clicca qui per leggere il numero completo di #Birdmen7

1 Comment

Rispondi