“Bellissima” di Luchino Visconti – Il sogno di elevarsi

Riproduzione riservata / ©Birdmen Magazine
Pubblicato da

Benedetta Pallavidino

Classe 1992, si è laureata in critica cinematografica nel 2017 presso l'Università degli Studi di Genova. È editor freelance e critica cinematografica. Si interessa di cinema indipendente e cinema d'autore. È in uscita una sua monografia su Yorgos Lanthimos edita da Minesis.

Cos'è Birdmen Magazine?

Dal 2015 Birdmen Magazine raccoglie le voci di cento giovani da tutta Italia: una rivista indipendente no profit – testata giornalistica registrata – votata al cinema, alle serie e al teatro (e a tutte le declinazioni dell’audiovisivo). Oltre alle edizioni cartacee annuali, cura progetti e collaborazioni con festival e istituzioni. Birdmen Magazine ha una redazione diffusa: le sedi principali sono a Pavia e Bologna

Associati a Birdmen MagazineAPS, lassociazione della rivista. Aiutaci a sostenere il progetto e ottieni i contenuti Birdmen Premium, tra cui le nostre masterclass online. I soci 2022 riceveranno a casa anche Brucia tutto, il nostro nuovo numero cartaceo annuale

  • Analisi eccelsa della sensibilissima Benedetta Pallavidino di un’opera assolutamente senza tempo.
    Una denuncia delle miserie e delle meschinità umane, quella che emerge, filtrata e sublimata dall’arte viscontiana, da Bellissima. L’amore materno, trasmesso in maniera viscerale e prepotente, come soltanto Anna Magnani avrebbe potuto fare, trionfa per sempre sulla vanagloria degli empi. E tale trionfo sofferto, raccontato da Visconti, sembra quasi profetico: trapela come un “fine ultimo” e invincibile.
    Complimenti a Benedetta, non solo per la sua sensibilità singolarissima, ma anche per le sue capacità analitiche ogniqualvolta si immerge nelle opere d’arte.

    Stefano Giacopino

  • Rispondi