A Cinecittà nasce il MIAC, Museo Italiano dell’Audiovisivo e del Cinema | La presentazione ⬇

Presentato presso gli Studi di Cinecittà a Roma, il Museo Italiano dell’Audiovisivo e del Cinema (MIAC), in apertura a dicembre 2019, entra a far parte della strategia di rilancio dell’area degli studios romani iniziata due anni fa con l’apertura al pubblico. Alla presenza del ministro Dario Franceschini, il museo è stato presentato come “un luogo per ritrovare o scoprire il nostro immaginario collettivo“. Audiovisivo e Cinema come arte in  movimento, capace di influenzare il nostro modo di vedere e comprendere il mondo. Un sentiero a partire dalle origini fino alla tecnologia digitale e al videogioco, con al centro la valorizzazione del Paese Italia, dove da centinaia di anni l’immagine è sinonimo di sviluppo culturale e sociale.

cropped-96269_ppl

Come si legge nella presentazione del sito del Ministero dei Beni culturali:

Il  primo  museo  multimediale,  interattivo  e  immersivo  interamente  dedicato al genere nella Capitale. Voluto e finanziato dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, il MIAC è realizzato  da  Istituto  Luce-Cinecittà,  in  partnership  con  Rai  Teche  e CSC – Centro Sperimentale di Cinematografia, in collaborazione con Cineteca di Bologna, AAMOD – Archivio Audiovisivo del  Movimento  Operaio  e  Democratico,  Museo  Nazionale del Cinema di  Torino, Fondazione  Cineteca  Italiana,   Cineteca  del  Friuli, Mediaset, con  il  Patrocinio di SIAE. Un’unione ricercata e trovata di grandi marchi della nostra memoria e dell’immaginario,  che  insieme  rappresentano  un  patrimonio  di  archivi  visivi  di  livello mondiale.

Un nuovo modo di immergersi nelle arti e nelle tecniche che hanno costruito il nostro immaginario; il MIAC troverà spazio negli antichi Laboratori di Sviluppo e Stampa degli studi, elaborando la visione del “film” in Italia. Alla base ovviamente materiali d’archivio: centinaia di film e filmati di repertorio (fondi dell’Istituto Luce e delle Teche Rai), documenti, fotografie, interviste, sigle, backstage, grafiche e radio

MIAC

La cura del MIAC è affidata a un team formato da Gianni Canova, storico del cinema, Gabriele D’Autilia, storico della fotografia, Enrico Menduni, storico dei mass media e Roland Sejko, regista. L’allestimento è ideato, progettato e curato da NONE collective.

Più di cento anni di storia italiana stanno per avere nuova vita. Da dicembre negli Studi di Cinecittà.

Qui il video di presentazione:

 

(Per maggiori informazioni: Ministero dei Beni Culturali)

Foto copertina: Cristina Vatielli

 

Annunci

Rispondi