Due parole sulla questione James Gunn/Disney

Qualche giorno fa stavo scorrendo il mio feed  Instagram quando mi sono imbattuto in un’inserzione di Disneyland Paris che mostrava delle discutibili imitazioni di “Star-Pratt” e “Saldana-Gamora” ballare con dei sorridentissimi bambini al ritmo di I love rock ‘n’ roll, di Joan Jett. La didascalia riportava “torna al ritmo degli anni ottanta con i Guardiani della Galassia” o roba simile. Con amarezza ho constatato, qualora ce ne fosse ancora bisogno, il potere e i metodi delle grandi corporation  americane, a dispetto degli artisti che contribuiscono a renderla grande. Se poi, come chi scrive, non si è soltanto degli appassionati consumatori ma anche e soprattutto dei consumati cultori, l’amarezza risulta ancora maggiore. La Disney ha licenziato James Gunn e ha interrotto ogni rapporto col regista ma intanto a Disneyland si capitalizza su quella che di fatto è una sua creazione, i Guardiani della Galassia. Niente di sbagliato, sia chiaro, almeno dal punto di vista legale e forse neanche troppo dal punto di vista morale; in fondo lo stesso Gunn ha firmato un contratto.


Clicca qui per continuare a leggere l’articolo.

L’articolo è stato pubblicato il 18 agosto 2018 sul sito http://inchiostro.unipv.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...