Zootropolis (2016), di Byron Howard e Rich Moore

Divertente, intelligente e autocritico: sono questi gli aggettivi che non si può fare a meno di accostare a Zootropolis, 55esimo film Disney, diretto da Byron Howard e Rich Moore(già all’opera per Rapunzel, Bolt e Ralph Spaccatutto) e prodotto da John Lasseter (Toy Story, Cars). Era febbraio dello scorso anno quando la pellicola usciva nelle sale cinematografiche, e già da una delle clip diffuse sul web (che divenne virale), in cui il protagonista era il lentissimo bradipo Flash allo sportello della motorizzazione civile, erano chiare tutte le premesse per un grande successo, confermato peraltro dalla vittoria ai Golden Globe 2017 come miglior film d’animazione e dalla probabile candidatura agli Oscar.In un mondo senza umani ma antropomorfizzato a parodia della nostra società, Judy Hopps dalla Tana dei Conigli, che fin da piccola vediamo battersi con coraggio contro i bulli per far valere le proprie ragioni, decide di seguire il suo sogno e diventare una poliziotta della città di Zootropolis.
Zootropolis è una megalopoli cosmopolita in cui tutte le specie animali possono abitare in armonia data la presenza di quartieri che riproducono i vari microclimi (Tundratown, Piazza Sahara, Distretto di Foresta Pluviale e l’adorabile e in miniatura Little Rodentia).Judy-zootropolis

Clicca qui per continuare a leggere l’articolo.

L’articolo è stato pubblicato il 16 gennaio 2017 sul sito http://inchiostro.unipv.it/

Annunci

Rispondi