Charlie Chaplin – “Il monello” e il Vagabondo

Riproduzione riservata / ©Birdmen Magazine
Pubblicato da

Martina Polastri

Classe 1997, laureata al DAMS di Torino. Appassionata di troppe cose e con una gran voglia di parlare, vivo tra il prossimo film in programmazione e l'ennesimo rewatch di 'Brooklyn Nine-Nine'. Considero Charlie Chaplin il mio spirito guida.

Cos'è Birdmen Magazine?

Birdmen Magazine nasce nel 2015 da un gruppo di studenti dell’Università di Pavia, spinti dalla volontà di raccontare e indagare il cinema, le serie e il teatro. Oggi è una rivista indipendentetestata giornalistica dal 2018 – con una redazione diffusa e una sede anche nella città di Bologna.

Aiutaci a sostenere il progetto e ottieni gli esclusivi contenuti Birdmen Premium, tra cui le nostre masterclass mensili: associati a Birdmen Magazine – APS, l’associazione della rivista. I soci 2021 ricevono a casa anche Futuro, il nostro ottavo numero cartaceo!

  • […] Dei film di Buster Keaton più famosi, quelli dell’epoca del muto, appunto, avrete già sentito almeno parlare: andiamo dai due rulli come Cops, The Playhouse, Hard Luck (alcuni di questi hanno da poco raggiunto il centenario dall’uscita), ai lungometraggi come The General, The Cameraman e quello citato in apertura; in ognuno di questi, Keaton emerge come uno dei grandi autori del proprio tempo, estremamente abile nell’uso del proprio corpo e fantasioso nella creazione delle sue “gag impossibili” (come le chiamava), senza niente da invidiare ai propri colleghi come Harold Lloyd o Charlie Chaplin. […]

  • Rispondi