Un sogno chiamato Florida

Anche in tempi recentissimi, il film di formazione è un genere che continua a spopolare fra il grande pubblico: basti pensare a tre pellicole grandemente considerate dall’Academy come Boyhood (Richard Linklater, 2014), Call Me By Your Name (Luca Guadagnino, 2017) e Ladybird (Greta Gerwig, 2017). Tutte storie che attestano il passaggio travagliato dall’adolescenza all’età adulta, spesso confinando il mondo dei grandi e quello dei fanciulli ai margini della narrazione. Sean Baker, nel suo ultimo film The Florida Project (2017), decide invece di far interagire tutte e tre le sfere, prediligendo quella della fanciullezza senza andare a discapito di quella adulta e dell’adolescenza.

 


Clicca qui per continuare a leggere l’articolo.

L’articolo è stato pubblicato il 9 aprile 2018 sul sito http://inchiostro.unipv.it/

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...