L’Amleto di Michele Sinisi: un dramma per sé

Un Amleto ridotto all’osso, solo, rabbioso. Una tragedia capace finalmente anche di far ridere, lì dove troppo spesso si commette l’errore di rendere seriosa, stantia e sterile l’energia dell’opera.

Questo è il risultato dell’inventiva di Michele Sinisi: un Amleto onnisciente, unico corpo di un racconto da lui stesso ordito, di un’azione scenica che è un pezzo di bravura, in cui l’attore mette carne, sudore e voce su una scena scarna. Finiamo così per sentirci invitati nella camera di Amleto, in cui egli recita con l’aiuto di una radio, un vaso di fiori e qualche sedia, ognuna un personaggio il cui nome è indicato da una scritta rossa sul dorso. Recita per un pubblico, ma soprattutto per se stesso, la sua trama, il suo piano, la sua realtà dove ormai i personaggi sono ridotti a spettri, burattini, attori di un regista esigente che nutre un estremo bisogno di rappresentare ed elaborare il suo dramma.

Clicca qui per continuare a leggere l’articolo.

L’articolo è stato pubblicato il 22 ottobre 2017 sul sito http://inchiostro.unipv.it/

Annunci
Posted In,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...