Drive My Car – Parole e ruoli da autenticare

Riproduzione riservata / ©Birdmen Magazine
Pubblicato da

Andrea Giangaspero

È redattore per Birdmen Magazine. Ha conseguito a Pavia la laurea magistrale in Filologia Moderna: scritture per la scena e per lo schermo, con una tesi su Abbas Kiarostami. Ha preso parte alla Giuria Internazionale del Premio UNIMED alla 76esima Mostra del Cinema di Venezia. Ama smodatamente la prima squadra della capitale, il post-rock, la musica di Max Richter, la pizza, il ramen e i ravioli al vapore, il povero Balthazar e, ovviamente, il Cinema Orientale.

Cos'è Birdmen Magazine?

Dal 2015 Birdmen Magazine raccoglie le voci di cento giovani da tutta Italia: una rivista indipendente no profit – testata giornalistica registrata – votata al cinema, alle serie e al teatro (e a tutte le declinazioni dell’audiovisivo). Oltre alle edizioni cartacee annuali, cura progetti e collaborazioni con festival e istituzioni. Birdmen Magazine ha una redazione diffusa: le sedi principali sono a Pavia e Bologna

Aiutaci a sostenere il progetto e ottieni i contenuti Birdmen Premium. Associati a Birdmen MagazineAPS, lassociazione della rivista

  • […] Da Murakami, Hamaguchi adatta per il cinema il racconto Drive My Car. Lo allunga, esagera l’uso della parola senza neppure smarrirla nel contraltare del silenzio (abitato dal linguaggio dei segni, che difatti pronuncia parole coi gesti). Un film densificato di idiomi tra loro diversi che sposta di continuo la comprensione di un dolore. Per venirne a patti, tocca allora alla condivisione di esso, entro una vecchia Saab rossa o sul palco durante lo Zio Vanja di Cechov, all’apertura del proprio sguardo verso l’altro: anche quando questo dolore abita in un terreno che non si conosce, in un’immagine complessa che nell’idioma sconosciuto dei segni coreano impone uno sforzo in più, allontanarsi da sé e scomodarsi per imparare a guardare, a capire di nuovo. Andrea Giangaspero / Leggi la recensione […]

  • Rispondi