France di Bruno Dumont – La tristezza del vuoto

Riproduzione riservata / ©Birdmen Magazine
Pubblicato da

Alessandro Amato

Classe 1990, Alessandro Amato è milanese ma si è laureato a Torino. Al momento scrive principalmente per Sentieri Selvaggi. Ha collaborato con Fondazione Cineteca Italiana e Aiace Torino come assistente programmazione. A seguito dell'esperienza con Dong Film Fest, cura eventi e testi sul cinema cinese contemporaneo. Co-fondatore della casa di produzione Ordinary Frames, soggettista e sceneggiatore. Tiene corsi di linguaggio cinematografico per varie realtà. È nel comitato di selezione del Torino Underground Cinefest.

Cos'è Birdmen Magazine?

Birdmen Magazine nasce nel 2015 da un gruppo di studenti dell’Università di Pavia, spinti dalla volontà di indagare e raccontare il cinema, le serie e il teatro. Oggi è una rivista indipendente – testata giornalistica dal 2018 – con una redazione diffusa: le sedi principali sono a Pavia e Bologna.

Aiutaci a sostenere il progetto e ottieni i contenuti Birdmen Premium, tra cui le nostre masterclass online: associati a Birdmen Magazine – APS, l’associazione della rivista. I soci 2022 riceveranno a casa anche il nostro nuovo numero cartaceo annuale.

  • […] Bruno Dumont si conferma tra gli autori europei più acuti e con France raggiunge forse l’apice della sua vena satirica. Il corpo magnetico e vibrante di Léa Seydoux catalizza l’attenzione sul vuoto che si cela dietro la narrazione del dolore. Attorno alla giornalista protagonista impera la menzogna, lo spietato mondo dei media, della cronaca fatta spettacolo, della vita recitata ad ogni costo. Un cinema di emozioni frustrate e rimosse oppure mostrate e non sentite, messe in scena, mai rielaborate. Un gioco al massacro in cui non si salva nessuno. Alessandro Amato / Leggi la recensione […]

  • Rispondi