“Santa Clarita Diet” e “3 %”: poi parleremo di “Westworld”

Riproduzione riservata / ©Birdmen Magazine
Pubblicato da

Demetrio Marra

Demetrio Marra è nato a Reggio Calabria nel 1995. È vice-direttore «Birdmen» e cura soprattutto contenuti nell'ambito della serialità. Ha esordito con una sua raccolta nel novembre 2019: "Riproduzioni in scala" (Interno Poesia), con prefazione di Flavio Santi. Si è laureato in Filologia Moderna con una tesi su Luciano Bianciardi. Collabora con la sezione Lingua Italiana di Treccani.it

Cos'è Birdmen Magazine?

Birdmen Magazine nasce nel 2015 da un gruppo di studenti dell’Università di Pavia, spinti dalla volontà di raccontare e indagare il cinema, le serie e il teatro. Oggi è una rivista indipendentetestata giornalistica dal 2018 – con una redazione diffusa e una sede anche nella città di Bologna.

Aiutaci a sostenere il progetto e ottieni gli esclusivi contenuti Birdmen Premium, tra cui le nostre masterclass mensili: associati a Birdmen Magazine – APS, l’associazione della rivista. I soci 2021 ricevono a casa anche il nostro nuovo numero cartaceo annuale!

  • […] Di Santa Clarita Diet se n’era parlato un anno fa, data anche tra le serie migliori del 2018. Poco spazio in entrambi i casi, ovviamente. Nel senso che la serie non può dirsi complessa, quando la complessità è anche una certa distanza tra il fruitore medio e il prodotto. Di fatto è molto semplice, per lo meno nelle sue coordinate fondamentali: Drew Barrymore è Sheila, svegliatasi non-morta (il termine usato più frequentemente è un-dead) dopo una sessione di vomito intensa; è moglie di Joel (Timothy Oliphant). Hanno una figlia, Abby (Liv Hewson), sedicenne tutt’altro che il ritratto della liceale americana – antifrasi dello stereotipo che la rende essa stessa stereotipo, purtroppo (significa: prevedibilità). L’amico di lui (friendzone alert) è Eric (Skyler Gisondo), personaggio radicalmente prevedibile: intelligente, timoroso, sfigatello eccetera. Si immagini la situazione: Sheila deve mangiare carne umana per sopravvivere; Joel deve aiutarla perché (e si legga sottolineato) la ama; Abby non può che scoprire presto del segreto – per il cambio improvviso di carattere (la morte libererebbe gli istinti) e perché in congelatore ci sono dita umane; su Eric si riversa praticamente ogni cosa che capita ad Abby. […]

  • Rispondi