The Leftovers 3, o l’Apocalisse secondo Damon Lindelof

The Leftovers chiude i battenti con una terza stagione memorabile che la conferma come uno degli eventi televisivi più originali e interessanti degli ultimi anni. Basata sull’omonimo romanzo del 2011 firmato da Tom Perrotta (qui in veste di co-autore), la serie HBO ideata da Damon Lindelof ha regalato un universo affascinante e una galleria di personaggi indimenticabili a coloro che hanno avuto la pazienza di seguirla in questi tre anni (cosa non scontata: ad una prima stagione cupissima e non sempre convincente era seguita una seconda spiazzante a più livelli), andando in parte ad appagare quella fetta di pubblico rimasta orfana dei miseri di Lost. Anche perché la premessa di base, ovvero l’improvvisa e inspiegabile sparizione del 2% della popolazione mondiale – chiara metafora di tutto ciò che di imprevedibile e inspiegabile c’è nella nostra vita – si è dimostrata l’ideale per raccogliere la pesante eredità della celebre Isola.


Clicca qui per continuare a leggere l’articolo

L’articolo è stato pubblicato l’8 luglio 2017 sul sito http://inchiostro.unipv.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...