Le masterclass di Birdmen Magazine per i soci dell’associazione

masterclass-birdmen-magazine

La prosperità e il successo di una rivista dipendono dal sostegno dei suoi lettori, persone che, tra neofiti e fedeli affezionati, rendono la nostra realtà qualcosa di unico nel mare delle riviste di spettacolo, e che non smetteremo mai di ringraziare. Per questo motivo, a partire da giugno 2020 Birdmen Magazine propone ogni mese una masterclass (online) rivolta esclusivamente ai soci della sua associazione.

Essendo però arrivati a dicembre e all’ultima masterclass dell’anno, in attesa di potersi associare (o rinnovare) l’anno venturo, chiunque potrà accedere liberamente alla masterclass Né scienza né arte: forse un’alchimia. Le forme della critica. Scrivete a birdmen.associazione@gmail.com: vi forniremo il link per accedere alla masterclass.

masterclass-donghi-critica#5. Né scienza né arte: forse un’alchimia. Le forme della critica

Chiudiamo il 2020 con una masterclass dedicata alle forme della scrittura critica contemporanea, tenuta da Lorenzo Donghi (titolare del corso di Scrittura critica per i media contemporanei all’Università di Pavia) e Federica Scaglione (caporedattrice di Birdmen Magazine).

«Se si vuol concepire, come una metafora, l’opera in sviluppo nella storia come un rogo, il commentatore gli sta davanti come il chimico, il critico come l’alchimista»

Così scriveva Walter Benjamin nel 1924, tracciando una possibile fisionomia del critico e, al contempo, connotando allusivamente il suo corpo a corpo con l’opera. Ma cosa intendeva dire Benjamin? E, a distanza di un secolo, le cose stanno ancora così? Tante domande (e qualche risposta) sullo stato dell’arte della scrittura critica contemporanea.

La masterclass si terrà venerdì 18 dicembre (h 18.00)! Il giorno stesso, tramite la mailing list dell’associazione, i soci ricevono per mail un link per accedere alla stanza Zoom in cui si tiene la masterclass. Durata: 60 minuti (più uno spazio finale per domande e approfondimenti). Clicca qui per scoprire l’evento Facebook.


Normalmente per poter accedere a questi contenuti #BirdmenPremium sarebbe necessario iscriversi all’associazione Birdmen Magazine – APS (il tesseramento ha validità rispetto all’anno in corso ed è rinnovabile di anno in anno, a fronte del versamento della quota associativa annuale). Essendo però arrivati a dicembre e all’ultima masterclass dell’anno, in attesa di potersi associare (o rinnovare) l’anno venturo, chiunque potrà partecipare liberamente alla masterclass Né scienza né arte: forse un’alchimia. Le forme della critica. Scrivete a birdmen.associazione@gmail.com: vi forniremo il link per accedere alla masterclass.

Per chi invece volesse comunque associarsi per il 2020 (anche se vi consigliamo di aspettare il 2021), riceverete direttamente a casa una tessera rappresentativa nominale, un taccuino personalizzato, una locandina con una delle nostre illustrazioni originali e il settimo numero cartaceo di Birdmen Magazine (bit.ly/Birdmen-7), oltre ad avere diritto di accesso a tutte le masterclass dell’anno. Ogni masterclass viene registrata e caricata su un drive dedicato: i soci possono recuperarle o rivederle in qualsiasi momento.

A breve peraltro andrà in stampa la nostra ottava edizione cartacea: i soci 2021 la riceveranno a casa! 

Il modulo va compilato, firmato e inviato a birdmen.associazione@gmail.com, contestualmente al pagamento della quota associativa (bonifico bancario o PayPal; causale: “Quota associativa 2020 Birdmen Magazine – APS”).

PayPal: birdmen.associazione@gmail.com
IBAN: IT15G0311111309000000003584
BIC: BLOPIT22
Ragione sociale: Birdmen Magazine – APS


#1. Star Wars: prima e dopo / giugno / Luca Carotenuto e Nicolò Villani

#2. Il cinema di Xavier Dolan: la forma del desiderio / luglio / Benedetta Pallavidino con ospite Luca Pacillio

#3. Bagliori fatui: il cinema di Hirokazu Kore’eda / settembre / Andrea Giangaspero e Lorenzo Zanone

#4. Il cinema di Christopher Nolan: esperimenti costosi / ottobre / Valerio Picca e Nicolò Villani

#5. Into the dark: viaggio nel cinema horror contemporaneo / novembre / Matteo Marescalco e Riccardo Bellini

1 Comment

Rispondi