Tra brivido e commedia al Fraschini, con Agatha Christie

Prima erano negretti, poi per il grande pubblico divennero indiani. Ma fra i dieci invitati del signor U.N. Owen ce n’è solo uno che fa l’indiano mentre gli altri sono “soldatini”. Comincia così, con questa presa di coscienza di un linguaggio sempre più neutro, l’adattamento teatrale di Dieci piccoli Indiani (pubblicato per la prima volta nel 1939) di Agatha Christie andato in scena al Fraschini il 9, 10 e 11 febbraio. Quella che è senz’altro l’opera più famosa della scrittrice britannica e probabilmente la più emblematica del genere thriller, rivive a teatro in una versione diretta dal regista spagnolo Ricard Reguant. Una versione convincente e fedele all’opera originale sebbene con qualche stonatura di troppo verso la commedia.


Clicca qui per continuare a leggere l’articolo.

L’articolo è stato pubblicato il 12 febbraio 2018 sul sito http://inchiostro.unipv.it/

Annunci

Rispondi